Guida definitiva per lavorare con il tuo tablet: iPad Air e mini App

Pubblicato il da battfast.com

Visto che nel corso dell’ultima settimana me l’hanno chiesto amici e parenti, ecco senza tanti giri di parole la lista delle app per iPad must have rigorosamente secondo il sottoscritto. No, vabbe’ scherzavo, il preambolo è necessario: a che ti serve l’iPad? Parto dal principio che tu lo voglia usare come strumento di lavoro e, contestualmente, divertirti un po’, d’accordo? Ok, ecco la lista che non include le app che ti installerai da solo.

 

iPad-air-vs-ipad-mini

Evernote
È l’app con cui gestire e organizzate note e appunti, scritti, immagini, audio e video, in taccuini diversi. La versione gratuita, oltre a limitare i dati che puoi caricare, non ti consente di accedere alle tue note offline. Ti sarà utile soprattutto se lo usi per gestire un progetto.

 

Drafts
Cominciamo da dove conviene spendere i tuoi soldi. Drafts è l’app che deve stare nel tuo dock. Qualunque cosa tu debba scrivere, una mail, un messaggio, un tweet, un aggiornamento di Facebook o Google+, un appunto, un task, un articolo, comincia da qui. Poi esporti il testo in quello che vuoi trasformarlo.

 

Byword
Per scrivere è l’app che fa per te. Una volta imparate le tre regole basi del markdown ti renderai conto del suo potenziale. Puoi infatti creare articoli e pubblicare o esportare i tuoi file in maniera veloce e semplice. Meglio di Byword c’è solo Writing Kit, che contiene anche tutta una serie di Dell studio 1537 battery strumenti utili per il blogger. Se devi scrivere a basta va bene Byword, ma se mentre scrivi devi fare ricerche su Internet, recuperare articoli da Instapaper etc, vorrai Writing Kit.

 

Launch Center Pro
Per certi aspetti è un’alternativa a Drafts. Con quest’app sarai in grado di lanciare azioni, non semplicemente app. Per esempio creare una nota in Evernote o un post su Facebook. Però puoi usarlo anche per aprire le app o eseguire operazioni più impegnative come cercare qualcosa su Amazon o Google. Il vantaggio di LCP è che poi usarlo per aprire qualsiasi app e molte funzioni di queste. È più

 

apple-a1189-battery

 

Digg Reader
Credi ancora negli RSS? Digg ha un ottimo lettori di RSS, anche se non è nato per fare questa cosa. In alternativa, in attesa che Unread arrivi sull’iPad, puoi usare Feedly.

 

laptop-batteries-and-adapters

Instapaper
Visto che l’ho appena nominato, Instapaper è il mio servizio di read later preferito. Essenziale e funzionale. L’alternativa gratuita è Pocket.

 

Textexpander Touch
Se lo vuoi usare per lavoro, significa che sull’iPad ci scriverai. Con Textexpander sarai in grado di accelerare e rendere più semplice questo processo. Quest’app non fa altro che espandere delle abbreviazioni ed è compatibile con quasi tutte le app che ti indico. Creare gli snippet su iPad può però essere una rottura: meglio se te li crei su Mac durante l’uso.

 

Quip
Meglio di Google Drive per gestire documenti condivisi. Ci puoi creare file con tabelle e immagini e scriverci è davvero semplice. Inoltre ricevi notifiche quando altri modificano il testo e puoi chattare con loro modificando insieme il documento.

Filterstorm Neue
Vuoi Photoshop su iPad? Scaricatelo: è meglio. Se non vuoi spendere, vai su Snapseed: non è peggio, è diverso. Non e così potete come Filterstorm (non ha livelli e ridimensionamento con precisione al pixel), ma ha molti più filtri ed è più semplice da usare.


Calendar 5
Se usi molto il calendario per organizzare i tuoi impegni, val forse la pensa spendere i tuoi soldi per questa che è al momento la miglior app per il calendario sull’iPad. Sunrise è una valida alternativa gratuita.

 

Mailbox
In attesa dell’arrivo di Dispatch su iPad puoi puntare sull’agilità di Mailbox. In alternativa c’è la nuova Evomail+ che se la cava egregiamente.

 

Infine, se vi piace disegnare e prendere appunti a mano libera, segnatevi Paper di 53 e Penultimate di Evernote, due app per disegnare e prendere appunti a mano libera, nel secondo caso con la possibilità di integrare le note prese o i disegni creati in Evernote.

Commenta il post